Archivio per la categoria ‘manipolazione della realtà’

Un interessantissimo articolo che chiarisce un po’ di cosette sull’immigrazione e sulla propaganda di parte che demonizza gli stranieri trovando un nemico inesistente. Come ai “bei tempi” di ogni totalitarismo.
Eccolo

Collegamento

Quando la matematica è un’opinione: Beppe Severgnini, i Romeni e la criminalità
Siamo sicuri che il “marchio geografico” della delinquenza ci aiuti a risolvere i problemi?

di Carlo Gubitosa

Tutto nasce da una lettera a Beppe Severgnini. A scrivere su corriere.it è Claudiu Victor Gheorghiou, che si firma come “artista e storico romeno” gettando sul piatto una domanda molto pesante: “Per parte della gente italiana il problema erano i siciliani l’altro ieri, ieri gli albanesi, oggi i romeni, e domani?”.

Severgnini spiega che l’ “atteggiamento sospettoso verso il diverso” non è poi così campato in aria, e nasce anche “per il tipo di reati che commettono” gli stranieri percepiti come “ospiti ingrati”.

E qui scatta la trappola dei numeri, un polverone di dati che lascia in bocca al lettore un messaggio molto chiaro: da un po’ di anni a questa parte i romeni sono in cima alla classifica degli stupratori, e quindi si capisce come mai la gente ce l’ha tanto con loro. Per sostenere questa tesi Severgnini mischia dati stimati dall’Istat sulle violenze sessuali con dati statistici del ministero dell’Interno sulle violenze denunciate, e vende il tutto al lettore come se si trattasse di dati sulle violenze sessuali effettivamente commesse.

Una bordata di disinformazione che renderebbe antipatici i romeni perfino a San Francesco d’Assisi: “il 90% dei responsabili [di violenza sessuale] era italiano. – proclama Severgnini -. Oggi quella percentuale è scesa al 60%. Vuol dire che il 40% delle violenze sessuali viene commesso dal 6,5% della popolazione”.

Il trucco di questa boutade, oggettiva solo in apparenza, si svela facilmente: il 90% è un valore stimato dall’Istat, il 60% è il valore registrato dal ministero dell’Interno in base alle denunce effettivamente ricevute. Le stime comprendono anche le violenze non denunciate, come quelle compiute in famiglia che sono invisibili al Viminale ma non per chi le subisce.

Se il valore stimato per le violenze “made in Italy” è più alto di quello registrato nelle denunce effettivamente presentate, si può concludere che tra le violenze “sommerse” la stragrande maggioranza sia compiuta da italiani. Con un trucco speculare si potrebbe piegare questa analisi in chiave “antitaliana” dicendo che i violentatori nostrani agiscono nell’ombra e sfuggono alla giustizia meglio di quelli stranieri, ma il gioco sarebbe altrettanto puerile e facilmente smascherabile dopo aver ragionato un po’ sul senso dei numeri.

Questa è solo una delle possibili forme di distorsione delle statistiche, e anche una tra le più evidenti: la manipolazione giornalistica, dove si confrontano le mele con le patate, le stime con le rilevazioni e si costruiscono opinioni soggettive nel lettore presentando dati che sembrano oggettivi, ma solo ad una lettura superficiale.

Tra gli altri fattori da considerare, c’è anche quello demografico.
Provate a fare una statistica in una scuola elementare considerandola rappresentativa della popolazione italiana. Se nella scuola elementare c’è un maestro ogni 10 insegnanti, le “statistiche” costruite lì dentro vi diranno che il 90% degli italiani è disoccupato, non legge la stampa quotidiana, non ha la licenza elementare e vive ancora in famiglia. Un bel quadretto di un popolo nullafacente, ignorante e mammone. Il problema è che in quel gruppo che abbiamo scelto come rappresentativo del popolo italiano c’era un sottogruppo sovrarappresentato, cioè che “pesava” più degli altri nelle rilevazioni statistiche: il gruppo dei bambini dai 5 ai 10 anni.

Lo stesso accade per quanto riguarda il gruppo dei criminali: i ragazzi in genere sono troppo impauriti per delinquere e i vecchi generalmente troppo saggi, e quindi le stime del tasso di criminalità collocano i valori più alti nella fascia d’età che va dai 20 ai 45 anni. In questa fascia d’età gli immigrati sono sovrarappresentati rispetto agli italiani, così come in una scuola elementare troviamo una percentuale di bambini che non rispecchia quella nazionale.

Questa maggiore presenza di migranti nel gruppo dei criminali è dovuta solo a ragioni demografiche, e al fatto che l’Italia a un certo punto ha smesso di fare figli, non certo ad una maggiore tendenza a delinquere da parte di certe popolazioni. Ignari di tutto questo accettiamo delle fotografie sfocate e distorte del rapporto tra criminalità e migrazioni, fidandoci di numeri costruiti male.

Un’altra forma di distorsione è quella politica. Le statistiche criminali come il numero dei denunciati, degli arrestati o dei fermati sono strettamente legate alle “politiche di polizia”: se l’attività delle polizie si concentra sugli immigrati sale il numero di immigrati denunciati e arrestati; se si concentra sui mafiosi aumenta il numero di mafiosi denunciati e arrestati.

Le tesi di Severgnini, dall’apparenza documentata e dai contenuti grossolani, sono state contestate con una lettera aperta da un gruppo di giornalisti e operatori sociali collegati alla campagna “Giornalisti Contro Il Razzismo”.
Beccato dai colleghi a fare il gioco delle tre carte con i numeri, Severgnini riconosce la differenza tra stime e statistiche (“è vero: in un passaggio ho accostato dati diversi, ho sbagliato e me ne scuso”) ma insiste nell’affermare il legame tra la provenienza etnica e la tendenza a delinquere, gettando sul piatto due domande chiave: “secondo voi esiste o non esiste un collegamento tra criminalità e immigrazione? Andrebbe tutto benone, nelle nostre città, se non fosse per i media allarmisti?” Non c’è più bisogno delle statistiche: per collegare un passaporto a un’indole criminale bastano le impressioni.

Un po’ come si è sempre fatto nel corso della storia, mettendo in relazione caratteristiche umane che non c’entrano un fico secco: per Hitler le origini ebraiche erano correlate ad una natura corrotta e malavitosa, e lo stesso ragionamento si applica oggi agli italiani negli Usa, ai ceceni in Russia, ai romeni in Italia. E’ come rilevare il taglio dei capelli di chi fa incidenti stradali e decidere in base ai risultati del rilevamento che la frangetta, i baffi o il pizzetto sono strettamente legati alla tendenza di schiantarsi in curva e ad una guida poco prudente, dovendo concludere che basta andare dal barbiere e cambiare look per diventare degli autisti provetti, o che staremmo molto meglio e le città sarebbero più sicure se i poveracci che sbarcano in Italia fossero greci anzichè romeni.

Quanto ai “media allarmisti” tirati in ballo da Severgnini, nessuno si è mai chiesto nella redazione del “Corriere” che cosa accadrebbe se il dato misurato in relazione ai crimini non fosse quello della nazionalità ma quello del reddito, della scolarizzazione o della residenza?

Io faccio una scommessa: secondo me scopriremmo che i poveri delinquono più dei benestanti, gli analfabeti delinquono più dei dottorini e chi vive nelle periferie e nei quartieri ghetto delinque più di chi sta nei centri storici, INDIPENDENTEMENTE dal passaporto e dalla nazionalità. Ma a quel punto il problema non sarebbe più delinquenziale (e quindi risolvibile con provvedimenti di facciata che puntano il dito contro i cattivi), e resterebbe nudo nella sua natura di problema politico, dove il dito va puntato contro i governanti incapaci di gestire il cambiamento sociale, e dove il conflitto non è tra italiani per bene e stranieri delinquenti, ma tra i vari furbetti del quartierino che si sono mangiati il paese (magari con passaporto monegasco o sammarinese) e chi resta immerso nella lotta violenta per sopravvivere, spartendosi le briciole e guardando in cagnesco i poveri che ce le contendono.

Per fortuna di “opinioni statistiche” in giro ce ne sono tante e varie, e ognuno può scegliere quella che più gli piace. Come ad esempio l’analisi pubblicata dalla Paris School of Economics, e realizzata da tre ricercatori: Milo Bianchi della PSE, Paolo Buonanno dell’Università di Bergamo e Paolo Pinotti, che lavora nel “servizio studi” della Banca d’Italia.

Partendo dalle stesse informazioni fornite da Severgnini sulle denunce registrate dal ministero dell’Interno, i tre ricercatori incrociano questi dati e ne aggiungono altri sui numeri dei permessi di soggiorno rilasciati nel corso degli anni. Le conclusioni di questo lavoro sono ben diverse da quelle dell’opinionista del “Corriere”: Bianchi, Buonanno e Pinotti evidenziano che i permessi di soggiorno negli ultimi anni sono cresciuti drasticamente, e i tassi di criminalità sono rimasti più o meno gli stessi. “L’immigrazione – scrivono – ha inciso solamente sui furti, senza avere effetti su tutti gli altri tipi di reati. Dal momento che i furti rappresentano una percentuale molto piccola di tutti i reati commessi, l’effetto (dell’immigrazione) sul tasso complessivo di criminalità è prossimo allo zero”. (Il documento integrale si trova su http://www.pse.ens.fr/document/wp200805.pdf)

Ma allora perchè siamo tutti così inquieti e impauriti quando si parla di romeni? Forse per stare più tranquilli basterebbe gettare il telecomando dalla finestra, o almeno questo è quello che suggerisce tra le righe la ricerca realizzata dal Centro di Ascolto dell’Informazione Radiotelevisiva che ha monitorato la presenza di notizie di cronaca nera, giudiziaria e di criminalità nei telegiornali italiani. (La ricerca è su http://tinyurl.com/cps2cb)

“La tendenza alla drammatizzazione dell’informazione e alla spettacolarizzazione del quotidiano – scrivono all’Osservatorio – si evince non solo dalla frequenza con la quale vengono date notizie relative a crimini violenti, ma anche dalla terminologia utilizzata che trasmette costantemente un’immagine di morte e violenza, quindi una sensazione di insicurezza e pericolo”.

I dati fanno riflettere: tra il 2003 ed il 2007 nei telegiornali nazionali è più che raddoppiato il tempo dedicato alle notizie di cronaca nera, cronaca giudiziaria e criminalità organizzata, passando mediamente dal 10% del 2003 al 24% del 2007. Ma allora sono aumentati i crimini o la paura indotta dalla TV?

Ancora una volta si conferma che sulla carta stampata e sul teleschermo perfino la matematica è un’opinione: figuriamoci la statistica. E figuriamoci le statistiche mischiate male e lette peggio dai giornalisti che seguono l’onda dell’allarmismo.

Per contattare gli autori:
carlo@gubi.ithttp://www.giornalismi.info/gubi
mauro.biani@gmail.com – maurobiani.splinder.com

(19 marzo 2009)

Annunci

Buongiorno,
come sempre, di questi tempi, quando le persone si mobilitano sotto una causa giusta e senza la guida di nessun partito assistiamo alla sagra della falsità.
Ieri, guidati dall’associazione familiari delle vittime di mafia, si sono riuniti a Roma in Piazza Farnese un migliaio di persone. Risultato? Una manifestazione pacifica, dura e fatta di alti ideali ed una giornata di mistificazioni. Cos’ho da dire? Rimango sempre molto scosso dalla falsità del circo mediatico italiano. Mentono spudoratamente, falsificano i fatti. Chiunque fosse stato a Roma o chiunque abbia letto o visto l’intervento di Di Pietro non avrà sentito dare del mafioso al capo dello stato. Chiunque abbia letto i giornali, dall’Unità in giù, avrà letto che Di Pietro ha dato del mafioso a Napolitano.
Eppure fermandosi un attimino a leggere non si può dire che di Pietro abbia accusato Napolitano d’esser mafioso.
Infatti a mio parere il discorso di Di Pietro si può grosso modo riassumere così: lamentiamo mancanza di terzietà e di equilibrio nelle posizioni di Napolitano, lamentiamo alcuni suoi silenzi, ma noi non possiamo zittirci e non si può zittire totalmente qualsiasi critica al Presidente della Repubblica in quanto tale perché il silenzio è mafioso. Il distinguo in questo caso è che Napolitano non sta sempre zitto, ma in alcuni casi non ha preso posizione forte e netta contro alcuni atti scandalosi, mentre da alcuni atteggiamenti, come il ritiro dello striscione “Napolitano dorme, l’Italia insorge”, pare che le critiche al Colle siano proibite e stare zitti non è possibile sarebbe da mafiosi.
Comunque sia, lascio a voi il giudizio. Ecco le parole di Di Pietro e l’interpretazione di Paolo Flores D’Arcais che la pensa come me:

Di Pietro

L’appello a Napolitano.

Signor Presidente, lo sa che questa mattina si sta cercando, ancora una volta, di farci lo scherzetto che è stato fatto a Piazza Navona? Credo che in una civile piazza dei cittadini italiani abbiano il diritto di manifestare. Si può non essere d’accordo su quanto abbiamo fatto e su quanto stiamo facendo, ma è un nostro diritto, garantito dalla Costituzione, poter dire che quello che fanno determinate persone non ci convince? Ci possiamo permettere, signor Presidente della Repubblica, di accogliere in questa piazza anche qualcuno di noi che non è d’accordo su alcuni suoi silenzi? Possiamo permettercelo o no? O siamo degli eversori? Siamo dei cittadini normali che ci permettiamo di dire a lei, signor Presidente della Repubblica, che dovrebbe essere l’arbitro, che a volte il suo giudizio ci pare poco da arbitro e poco da terzo. Lo possiamo dire o no? Noi la rispettiamo, abbiamo il senso delle istituzioni, vogliamo essere tranquilli. Oggi, un cittadino ha messo un manifesto, uno striscione, dove senza offendere nessuno dice “Napolitano dorme, l’Italia insorge”. Perché lo hanno sequestrato? Chi ha ordinato di sequestrare questo manifesto? Perché non c’è possibilità di manifestare senza bastoni, senza nulla? Stiamo semplicemente dicendo che non siamo d’accordo sul fatto che si lasci passare il lodo Alfano, che non siamo d’accordo sul fatto che si criminalizzino le persone che fanno il loro dovere, che non siamo d’accordo sull’oblio che hanno le istituzioni nei confronti di questi familiari delle vittime, che non siamo d’accordo nel vedere terroristi che vanno a fare gli insegnanti e informare a loro modo le cose, che fanno i saputoni e poi vediamo le vittime del terrorismo e della mafia che vengono dimenticate e abbandonate a se stesse. Lo possiamo dire o no? Rispettosamente, ma il rispetto è una cosa, il silenzio è un’altra: il silenzio uccide, il silenzio è mafioso, il silenzio è un comportamento mafioso. Ecco perché non vogliamo rimanere in silenzio.
Noi ribadiamo che c’è necessità di una nuova legge elettorale che ridia in mano ai cittadini la possibilità di scegliersi i propri dipendenti. Vogliamo una legge che risolva il conflitto d’interessi. Vogliamo al più presto una legge che preveda la non candidabilità delle persone condannate, una legge che preveda l’impossibilità di assumere incarichi di governo, locale e centrale, di persone rinviate a giudizio. Vogliamo una legge che non preveda più la possibilità a quelle imprese, di cui imprenditori sono stati condannati, di partecipare a gare e ad appalti della pubblica amministrazione. Si deve sapere che quando c’è un Romeo preso con le mani nel sacco una prima volta, non ci può essere una seconda volta, e per non esserci c’è bisogno di stabilire delle regole.
Tutto queste cose noi chiediamo alle istituzioni, e per queste cose ci appelliamo a lei signor Capo dello Stato, lo faccia un discorso coraggioso, dica che devono andare fuori dal tempio i mercanti, dica che devono andare fuori dal Parlamento i condannati, lo dica e noi l’approveremo e troverà striscioni diversi. Non si lamenti se poi qualcuno vede nel silenzio un accondiscendenza.
E’ tempo di far sentire sempre di più la propria voce, nel Parlamento e nelle istituzioni, dove possiamo. Ma sa, là ci considerano eversori perché vogliamo che la legge funzioni. Si sono invertiti i termini del gioco.
Vogliamo essere sempre più presenti, nelle piazze e nelle città, da Piazza Navona a Piazza Farnese, di piazza in piazza, questa primavera, subito dopo che saranno finite le scaramucce elettorali (perché non vogliamo essere accusati che lo facciamo per fini elettorali) metteremo in piedi un altro grappolo di referendum, perché vogliamo contribuire attraverso i referendum il risveglio della coscienza civica dei cittadini, di non lasciarli nell’oblio delle veline, che come nuovo olio di ricino addormentano le coscienze. Noi cominceremo quindi subito e a quegli amici, agli amici di Ponzio Pilato, quando ci diranno che non raggiungeremo il quorum, diremo: “Zitto ragazzo, zitto che siamo in mezzo al mare, è inutile che dici che non raggiungiamo la riva. Nuota in questo mare e cerca di portare l’Italia in una democrazia migliore”.”

Paolo Flores D’Arcais
link su micromega

Piazza Farnese
Flores d’Arcais: Le bugie su Di Pietro e la verità di Gramsci
di Paolo Flores d’Arcais

I quattro minuti integrali dell’intervento di Antonio Di Pietro (vedi sotto) sono inequivoci e inequivocabili: l’accusa al Presidente Napolitano di essere stato qualche volta non imparziale non è affatto seguita, quale esplicitazione dell’accusa stessa, dall’affermazione che “il silenzio è mafioso”.
Tale affermazione è successiva ad una serie di altre considerazioni, a cui è evidentemente riferita, che riguardano perfino il fatto che (ex) terroristi possano dare lezioni nelle università (trasparente il rimando al recente caso Morucci) mentre i familiari delle vittime vengono dimenticati. Addolora, dunque, che praticamente tutti i mass media abbiamo saltato la parte intermedia dell’intervento di Di Pietro, e abbiamo riferito, del tutto inesattamente, l’espressione “il silenzio uccide, il silenzio è mafioso”, al giudizio di Di Pietro sulla imparzialità del Presidente Napolitano.
In tal modo ascoltatori e lettori hanno ricevuto l’informazione, del tutto errata, che Di Pietro abbia dato del mafioso a Napolitano. Addolora che sulla base di questa informazione errata l’ex Presidente Oscar Luigi Scalfaro abbia parlato addirittura di “reato”. E infine, oltre che addolorare, indigna che alla testa delle accuse infondate a Di Pietro sia stata fin dal primo momento una testata fondata dall’uomo la cui frase più famosa, e più che mai attuale, suona: la verità è rivoluzionaria.

Sondaggio: Napolitano custode della Costituzione?

(29 gennaio 2009)

http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=300410

Berlusconi smentisce “Io non ho mai detto né pensato che la polizia debba entrare nelle scuole. Ho detto invece che chi vuole è liberissimo di manifestare e protestare, ma non può imporre a chi non è della sua idea a rinunciare al suo diritto essenziale. Ancora una volta c’è stato un divorzio tra i mezzi di informazione e la realtà”. È quanto ha detto il premier tornando alle polemiche dei giorni scorsi sulla scuola da Pechino. Poi spiega che “lo Stato deve garantire ad altri che vogliono imparare la possibilità di non essere disturbati, ma se a qualcuno piace andare in piazza a manifestare, scenda in piazza a farlo”. Quindi si rivolge alla sinistra: “La scuola è stata presa a pretesto dalla sinistra per fare qualcosa contro il governo sull’università, i cartelli che ho potuto vedere sono tutti basati su false informazioni che accusano il governo di volere cose lontane dalla realtà”.

Come sempre, negli ultimi anni, le piazze che non vanno bene sono quelle degli altri. Gli altri, nello specifico, sono quelli che non seguono il badrone o Al Tappone come lo chiamano ultimamente. C’è chi, come Nanni Moretti, pensa che sia stato un errore far intervenire Grillo e la Guzzanti, forse persino Travaglio è stato eccessivo. Questo perché s’è dato un bell’appiglio alle critiche e alle bordate del regime mediatico, squadrista e becero come tutti lo conosciamo. Io sono d’accordo con Moni Ovadia, certe critiche agli organizzatori mi sembrano eccessive, oltretutto dovremmo sapere benissimo che le balle e gli attacchi ci sarebbero stati comunque, al costo di mentire spudoratamente o trovare il pelo nell’uovo. Lo ricordo benissimo il servizio di Studio Aperto che accusava Grillo di aver fatto uno spettacolo a pagamento chiudendo il centro di Bologna per il suo primo V day. Vorrei invece che non succedesse quel che mi si srotola sotto gli occhi, in questi giorni: le gambe tremano, gli attacchi interni partono trasversalmente. Sabina hai sbagliato, Grillo non vai bene, Travaglio sei sempre il solito! Sia chiaro, le opinioni non vanno omologate, ma non vanno condizionate dalla paura e soprattutto non ci si deve spostare di un passo dalla posizione reale: viviamo in una Italia plagiata e abbindolata dai media, bisogna ricordarlo a tutti ed in ogni momento, senza censurarsi o buttare fuori dalle manifestazioni gruppi o persone che potrebbero essere strumentalizzate. Si darebbe ragione al regime mediatico! In fondo Grillo ha semplicemente ricordato ragioni sacrosante, la Guzzanti ha sottolineato che, se certe notizie sono vere, una certa persona dovrebbe andarsene, e Travaglio ha sottolineato con forza che non ci piace Berlusconi e non ci piace nemmeno la linea di un Veltroni che finisce per fare i comodi di Berlusconi, che cambi, perché finora i risultati sono pessimi e che si finisca con un dialogo che non è possibile. Il dialogo nasce da interessi veri e convergenti per il bene comune, da volontà di mettersi in gioco: su giustizia e tv ed economia, su mille altri argomenti non c’è alcuna volontà di mettere sul piatto, solo due linee che si allontanano. Allora che sia opposizione e che la sinistra faccia quel che deve, con la giusta cattiveria e senza impicci schifosi.

commenti


Foto tratta da micromega online
Foto di micromega

Caro direttore,
quando tutta la stampa (Unità compresa), tutte le tv e persino alcuni protagonisti dicono la stessa cosa, e cioè che l’altroieri in Piazza Navona due comici (Beppe Grillo e Sabina Guzzanti) e un giornalista (il sottoscritto) avrebbero “insultato” e addirittura “vilipeso” il capo dello Stato italiano e quello vaticano, la prima reazione è inevitabile: mi sono perso qualcosa? Mi sono distratto e non ho sentito alcune cose – le più gravi – dette da Beppe, da Sabina e da me stesso? Poi ho controllato direttamente sui video, tutti disponibili su you tube e sui siti di vari giornali, e sono spiacente di comunicarti che nulla di ciò che è stato scritto e detto da tv e giornali (Unità compresa) è realmente accaduto: nessuno ha insultato né vilipeso Giorgio Napolitano né Benedetto XVI. Nessuno ha “rovinato una bella piazza”. E’ stata, come tu hai potuto constatare de visu, una manifestazione di grande successo, sia per la folla, sia per la qualità degli interventi (escluso ovviamente il mio).

Per la prima volta si sono fuse in una cinque piazze che finora si erano soltanto sfiorate: quella di Di Pietro, quella di molti elettori del Pd, quella della sinistra cosiddetta radicale, quella dei girotondi e quella dei grillini, non sempre sovrapponibili. E un minimo di rigetto era da mettere in conto. Ma è stata una bella piazza plurale, sia sotto che sopra il palco: idee, linguaggi, culture, sensibilità, mestieri diversi, uniti da un solo obiettivo. Cacciare il Caimano. Le prese di distanza e i distinguo interni, per non parlare delle polemiche esterne, sono un prodotto autoreferenziale del Palazzo (chi fa politica deve tener conto degli alleati, delle opportunità, degli elettori, di cui per fortuna gli artisti e i giornalisti, essendo “impolitici”, possono tranquillamente infischiarsi). La gente invece ha applaudito Grillo e Sabina come Colombo (anche quando ha chiesto consensi per Napolitano), Di Pietro, Flores e gli altri oratori, ma anche i politici delle più varie provenienze venuti a manifestare silenziosamente. Applausi contraddittorii, visto che gli applauditi dicevano cose diverse? Non credo proprio. Era chiaro a tutti che il bersaglio era il regime berlusconiano con le sue leggi canaglia, compresi ovviamente quanti non gli si oppongono.

Come mai allora questa percezione non è emersa, nemmeno nei commenti delle persone più vicine, come per esempio te e Furio? Io temo che viviamo tutti nel Truman Show inaugurato 15 anni fa da Al Tappone, che ci ha imposto paletti (anche mentali) sempre più assurdi e ci ha costretti, senza nemmeno rendercene conto, a rinunciare ogni giorno a un pezzettino della nostra libertà. Per cui oggi troviamo eccessivo, o addirittura intollerabile, ciò che qualche anno fa era normale e lo è tuttora nel resto del mondo libero (dove tra l’altro, a parte lo Zimbabwe, non c’è nulla di simile al governo Al Tappone). In Italia l’elenco delle cose che non si possono dire si allunga di giorno in giorno. Negli Stati Uniti, qualche anno fa, uscì senz’alcuno scandalo un libro di Michael Moore dal titolo “Stupid White Man” (pubblicato in Italia da Mondadori…), tutto dedicato alle non eccelse qualità intellettive del presidente Bush. Da dieci anni l’ex presidente Clinton non riesce a uscire da quella che è stata chiamata la “sala orale”. In Francia, la tv pubblica ha trasmesso un programma satirico in cui un attore, parodiando il film “Pulp Fiction” in “Peuple fiction”, irrompe nello studio del presidente Chirac, lo processa sommariamente per le sue innumerevoli menzogne, e poi lo fredda col mitra. A nessuno è mai venuto in mente di parlare di “antibushismo”, di “anticlintonismo”, di “antichirachismo”, di “insulti alla Casa Bianca” o di “vilipendio all’Eliseo”. Tanto più alta è la poltrona su cui siede il politico, tanto più ampio è il diritto di critica e di satira e anche di attacco personale.

Quelli che son risuonati l’altroieri in piazza Navona non erano “insulti”. Erano critiche. Grillo, insolitamente moderato e perfino affettuoso, ha detto che “a Napolitano gli voglio bene, ma sonnecchia come Morfeo e firma tutto”, compreso il via libera al lodo Alfano che crea una “banda dei quattro” con licenza di delinquere. Ha sostenuto che Pertini, Scalfaro e Ciampi non l’avrebbero mai firmato (sui primi due ha ragione: non su Ciampi, che firmò il lodo Schifani). E ha ricordato che l’altro giorno, mentre Napoli boccheggia sotto la monnezza, il presidente era a Capri a festeggiare il compleanno con la signora Mastella, reduce dagli arresti domiciliari, e Bassolino, rinviato a giudizio per truffa alla regione che egli stesso presiede. Tutti dati di fatto che possono essere variamente commentati: non insulti o vilipendi.

Io, in tre parole tre, ho descritto la vergognosa legge Berlusconi che istituisce un’ ”aggravante razziale” e dunque incostituzionale, punendo – per lo stesso reato – gli immigrati irregolari più severamente degli italiani, e mi sono rammaricato del fatto che il Quirinale l’abbia firmata promulgando il decreto sicurezza. Nessun insulto: critica. Veltroni sostiene che io avrei “insultato” anche lui, e che “non è la prima volta”. Lo invito a rivedersi il mio intervento: nessun insulto, un paio di citazioni appena: per il resto la cronistoria puntuale dell’ennesima resurrezione di Al Tappone dalle sue ceneri grazie a chi – come dice Furio Colombo – “confonde il dialogo con i suoi monologhi”. Sono altri dati di fatto, che possono esser variamente valutati, ma non è né insulto né vilipendio. O forse il Colle ha respinto al mittente qualche legge incostituzionale, e non me ne sono accorto? Sono o non sono libero di pensare e di dire che preferivo Scalfaro e i suoi no al Cavaliere? Oppure la libertà di parola, conquistata al prezzo del sangue dai nostri padri, s’è ridotta a libertà di applauso? Forse qualcuno dimentica che quella c’è anche nelle dittature. E’ la libertà di critica che contraddistingue le democrazie. Se poi a esercitarla su temi quali la laicità, gli infortuni sul lavoro, l’ambiente, la malafinanza, la malapolitica, il precariato, la legalità, la libertà d’informazione sono più i comici che i politici, questa non è certo colpa dei comici.

Poi c’è Sabina. Che ha fatto, di tanto grave, Sabina? Ha usato fino in fondo il privilegio della satira, che le consente di chiamare le cose con il loro nome senza le tartuferie e le ipocrisie del politically correct, del politichese e del giornalese: ha tradotto in italiano, con le parole più appropriate, quel che emerge da decine di cronache di giornale sulle presunte telefonate di una signorina dedita ad antichissime attività con l’attuale premier, che poi l’ha promossa ministra. Enrico Fierro ha raccolto l’altro giorno, sull’Unità, i pissi-pissi-bao-bao con cui i giornali di ogni orientamento, da Repubblica al Corriere, dal Riformatorio financo al Giornale, han raccontato quelle presunte chiamate (con la “m”). Ci voleva un quotidiano argentino, il “Clarin”, per usare il termine che comunemente descrive queste cose in Italia: “pompini”, naturalmente di Stato.

Quello di Sabina è stato un capolavoro di invettiva satirica, urticante e spiazzante come dev’essere un’invettiva satirica, senza mediazioni artistiche né perifrasi. Gli ignorantelli di ritorno che gridano “vergogna” non possono sapere che già nell’antica Atene, Aristofane era solito far interrompere le sue commedie con una “paràbasi”, cioè con un’invettiva del corifeo che avanzava verso il pubblico e parlava a nome del commediografo, dicendo la sua sui problemi della città. Anche questa è satira (a meno che qualcuno non la confonda ancora con le barzellette). Si dirà: ma Sabina ha pure mandato il papa all’inferno. Posso garantire che, diversamente da me, lei all’inferno non crede. Quella era un’incursione artistica in un genere letterario inaugurato, se non ricordo male, da Dante Alighieri. Il quale spedì anticipatamente all’inferno il pontefice di allora, Bonifacio VIII, che non gli piaceva più o meno per le stesse ragioni per cui questo papa non piace a lei e a molti: le continue intromissioni del Vaticano nella politica. Anche Dante era girotondino?

Il fatto è che un vasto e variopinto fronte politico-giornalistico aveva preparato i commenti alla manifestazione ancor prima che iniziasse: demonizzatori, giustizialisti, estremisti, forcaioli, nemici delle istituzioni, e ovviamente alleati occulti del Cavaliere. Qualunque cosa fosse accaduta, avrebbero scritto quel che hanno scritto. Lo sapevamo, e abbiamo deciso di non cedere al ricatto, parlando liberamente a chi era venuto per ascoltarci, non per usarci come pedine dei soliti giochetti. Poi, per fortuna, a ristabilire la verità sono arrivati i commenti schiumanti di Al Tappone e di tutto il centrodestra: tutti inferociti perchè la manifestazione spazza via le tentazioni di un’opposizione più morbida o addirittura di un inciucio sul lodo Alfano (ancora martedì sera, a Primo Piano, due direttori della sinistra “che vince”, Polito e Sansonetti, proclamavano in stereo: “Chi se ne frega del lodo Alfano”). La prova migliore del fatto che la manifestazione contro il Caimano e le sue leggi-canaglia è perfettamente riuscita.


http://www.unita.it/view.asp?IDcontent=77057

A furia di guardare il dito

Moni Ovadia

 

La parabola dell’uomo che guarda il dito che indica, invece di guardare la luna, è fin troppo nota. La manifestazione di Piazza Navona è diventata il dito dello scandalo in una luna su cui le regole democratiche vengono infrante sistematicamente da una destra populista e demagogica al servizio di un solo uomo, che in qualsiasi paese fondato sulla civiltà del diritto non avrebbe i requisisti per essere eletto. Oggi il suo governo subisce una mozione di condanna per politiche giudicate dall’Europa razziste e discriminatorie.

E persino la nota biografica inserita nelle cartelle del G8, descrive il nostro presidente del consiglio come leader dalla reputazione per lo meno imbarazzante, e l’Italia come una nazione devastata dalla diffusa corruttela.

Eppure il coro delle prefiche pidielline si straccia le vesti per lo scandalo di piazza Navona. Perché? Perché il caravanserraglio del padrone, ha trovato un’occasione ghiotta per fare la vittima e i suoi cortigiani per gridare allo scandalo. Fingono di scandalizzarsi per gli eccessi del linguaggio, proprio loro che sul vero ed indegno linguaggio dell’eccesso hanno costruito l’identità di cui menano vanto. Le iperboli di Beppe Grillo e di Sabina Guzzanti, sono lazzi da commedia dell’arte rispetto ai furori e agli appelli alle armi di leghisti quali un Calderoli (irresponsabile sobillatore di rivolte che mettono in pericolo i nostri cittadini in paesi musulmani), di un Bossi, di un Borghezio o di un Gentilini, nell’esercizio di funzioni istituzionali. Sabina Guzzanti invece, è solo una straordinaria teatrante animata da una bruciante passione civile cacciata persecutoriamente dalla televisione di Stato, che dovrebbe essere il santuario della libertà di pensiero. Com’è corta e ipocrita la memoria di questa destra da polpettone mal digerito. Non ricordano neppure che da sempre è prerogativa del teatrante gridare al popolo che “il re è nudo”.

Ha dovuto ricordarglielo uno dei loro, Paolo Guzzanti, spezzando una lancia a difesa della figlia, che il garbato cavalier Berlusconi ha dato del coglione a metà degli italiani solo per non averlo votato. Guzzanti sì che ha subito un’aggressione di inaudita volgarità da parte della ministra Carfagna, solo per essere il padre Sabina. Detto ciò, per restituire evidenza al fatto che la destra non ha titoli per rivolgere critiche a qualsivoglia volgarità, né tanto meno per dare lezioni di deontologia del linguaggio, è bene chiarire che il principale e precipuo scopo del popolo e degli organizzatori di piazza Navona è stato e rimane quello di lanciare un allarme per la mobilitazione contro lo scempio che viene fatto del nostro sistema politico e della legalità costituzionale da parte di forze politiche prone agli interessi del loro leader carismatico.

Personalmente, nel mio breve intervento, mi sono limitato a considerazioni di natura squisitamente politica, anche se il tono delle mie parole era accorato ed indignato. Perché sia chiaro, che noi si faccia o meno il mestiere dell’arte scenica, prima di tutto siamo esseri umani e cittadini pensanti che partecipano a pieno titolo alla vita sociale e politica del Paese e sempre più sono sollecitati a farlo soprattutto dalle giovani generazioni.

Ma veniamo al vero punctum dolens della questione: i rapporti fra le opposizioni – e nella fattispecie fra gli organizzatori di piazza Navona – i cittadini che hanno risposto alla chiamata, e il Pd. Alcune delle critiche rivolteci con onestà ed acume, non vanno respinte per partito preso e meritano il massimo rispetto. Non vi è dubbio che per certi aspetti la manifestazione sia caduta in una trappola ben tesa, tuttavia non prenderò pelose distanze dagli altri intervenuti perché non ritengo decoroso questo tipo di puntualizzazione. Per quanto mi riguarda, non sono salito sul palco contro il Pd e ciò vale indubbiamente anche per la stragrande maggioranza dei partecipanti. Ho sostenuto il nuovo partito con la passione e il coinvolgimento che caratterizza sempre il mio impegno: ero e rimango convinto che l’Italia abbia bisogno di un grande partito riformista. Proprio per questa ragione, da quel partito, che ha subito una severa battuta d’arresto alle elezioni, mi aspetto un’opposizione forte, adamantina, a voce alta. L’insistenza sul dialogo con forze che non vogliono e non possono dialogare senza entrare in contraddizione con se stesse, francamente è parso a molti di noi incomprensibile, soprattutto perché proposto da posizioni di debolezza.

Inoltre, mai come in questa circostanza, si è confermato che il lupo perde il pelo ma non il vizio. Uno dei pericoli più insidiosi che corre la politica istituzionale è quello dell’autoreferenzialità, lo si è inequivocabilmente constatato nell’imperdonabile débacle delle elezioni romane.

Ora, io non pretendo di avere un osservatorio infallibile, ma quando girando in ogni angolo del Paese sento ininterrottamente le voci impastate di amarezza e di umiliazione di elettori del Pd che ti guardano con espressione ferita dicendo: “tanto sono tutti uguali”, capisci che devi rialzare la testa per tentare con tutte le forze di arginare l’irrimediabile.

Pubblicato il: 11.07.08
Modificato il: 11.07.08 alle ore 13.19

vari articoli

Pubblicato: aprile 30, 2008 in articoli, manipolazione della realtà

http://www.unita.it/view.asp?IDcontent=75042

Meno male che c’è il Primo Maggio
Lidia Ravera

Mai Primo Maggio è caduto in un momento meno adatto a far festa, a celebrare e celebrarsi, a far sventolare le bandiere rosse, squillare le trombe e scorrere la retorica sulle magnifiche sorti dei lavoratori. Con il ritmo assunto, negli ultimi anni, dagli incidenti sul lavoro, si potrebbe gemellare con il 2 novembre, il Primo Maggio. Tre al giorno, è la media. Tre operai morti ogni 24 ore. Infatti è dedicato a loro, a quelli che rischiano la pelle per 1000 euro al mese, il tradizionale concerto di Piazza San Giovanni. Che cosa diranno, dal palco, fra un cantante e una band, che cosa dirà il segretario della Cgil, che cosa potrà promettere?

La destra è al governo del Paese e, da pochi giorni, anche della Capitale. La destra, non un centrodestra, non una sinistra moderata, non una rinata democrazia cristiana, no, una coalizione di partiti di destra.

Si farà carico del problema delle morti bianche? Molte delle vittime sono immigrati, spesso precari, indeboliti dal non conoscere le regole, dall’essere gli ultimi arrivati.

A trionfare, quindici giorni fa, alle elezioni politiche nazionali, è stato un partito, la Lega, che sull’immigrazione ha elaborato soltanto un progetto: buttarli fuori, il più presto possibile, il più possibile radicalmente. Non farne entrare altri. Lo festeggeranno, il Primo Maggio, quelli, fra gli operai, che hanno votato Lega? Oppure opteranno per un sobrio raduno padano, a bere ampolle di acqua benedetta da Federico Barbarossa?

Mai il Primo Maggio è stata una festa così poco scontata, così lontana dalla riposante ritualità.

Viene da chiedersi, come per le occasioni mondane, chi ci sarà: quelli che ci sono sempre andati per abitudine e continuano per scaramanzia?

Quelli che siccome era diventata un abitudine non ci andavano più? O, magari, quelli che non ci sono mai andati e che, quest’anno, decideranno di andarci, per l’insopprimibile desiderio di rispondere, da una piazza gremita, allo sconcerto di questo lungo “day after”.

Piazza San Giovanni faticherà a contenerci tutti.

Lì per lì, la botta ci ha tramortiti, riuscivamo a scambiarci soltanto messaggi di incredulità. Di perdere il primo incontro, quello nazionale, i più accorti se lo aspettavano. Di perdere anche quello simbolico, romano, dopo 15 anni di buon lavoro amministrativo, se lo aspettavano soltanto militanti e simpatizzanti della corrente Cassandra, i compagni del bicchiere mezzo vuoto, gente che se tutti fanno il coro non canta, se si aprono le danze e si promettono poltrone, resta seduta sul suo strapuntino, a sorseggiare meditabonda l’amaro calice dell’autocritica. Io ho inoltrato regolare domanda per essere ammessa, in questa énclave di realisti, voglio imparare a prevedere le sconfitte, eventualmente ad evitarle, e, nel caso siano inevitabili, a farle fruttare in termini di consapevolezza degli errori, coscienza dei ritardi e percezione dell’ipotetico protrarsi di illusioni datate. Non so se passerò l’esame, ma intanto mi applico con zelo. Per esempio ho incominciato ad ascoltare con molta umiltà quelli che hanno vent’anni e trent’anni. Non “i giovani” comparsi, per decisione unanime delle segreterie, nelle liste dei Partiti politici, che sbandierano la loro età come se fosse un diploma di eccellenza, no, non loro. Io ho incominciato ad ascoltare i giovani che vivono vite reali, precarie ma appassionate, che danno vita a giornali on line (come il bellissimo «Crak»), che si riuniscono e discutono e leggono Latouche e si interrogano sulla necessità della decrescita e sull’equilibrio ecologico e sulla povertà d’acqua nel pianeta, che lavorano a un progetto di televisione libera, che si sbattono per aprire nuovi canali di circolazione delle idee e dell’informazione… sono questi i giovani che hanno qualcosa da dire. Sono, e ancora si sentono, “di sinistra”, ma non sanno neppure che cos’è l’ideologia. Non si riconoscono nei partiti ma non si riconoscono nemmeno nel vaffa-day. Infatti sono andati a votare. Hanno votato Veltroni e hanno votato Rutelli, controvoglia ma disciplinatamente. «Qui non si tratta di tapparsi il naso, noi stavamo proprio in apnea», mi ha detto uno di loro. Ma è lo stesso che mi ha telefonato in preda alla disperazione per la vittoria di Alemanno. Beh, ho detto, tanto a voi Rutelli non piaceva. Li per lì non ha risposto, poi ci ha ripensato: «Adesso sarà tutto più difficile, ma bisogna farlo lo stesso, bisogna che ci diamo una mossa». Non ho indagato oltre, ma, per la prima volta in quindici giorni, ho percepito un alito di vento tiepido, un po’ di ottimismo. Forse il tanto implorato ricambio generazionale doveva passare proprio per l’amara radicalità di questa sconfitta. Dovevamo percepire, con dolore, la fine dell’epoca in cui siamo cresciuti, veder scomparire le varie rifondazioni comuniste, veder barcollare le nuove formazioni, ancora incerte nelle loro identità moderne. Dovevamo sentir dire a un leader politico “è una sconfitta” e a un giovanotto sconosciuto “è il momento di fare qualcosa” per farci tornare la voglia di festeggiare il “Primo Maggio”, di andarci, tutti insieme, non per partecipare al gran gala del sindacato, ma per guardarci in faccia, per contarci, per mettere in comune, sia la tristezza che la determinazione, sia la pazienza che l’ironia. Come ogni “buon rivoluzionario” deve saper fare, soprattutto in assenza di rivoluzioni.

www.lidiaravera.it

Pubblicato il: 30.04.08
Modificato il: 30.04.08 alle ore 8.13

http://www.unita.it/view.asp?IDcontent=75043

La Lezione della Sconfitta
Nicola Cacace

Le sconfitte fanno male se non si sa metterle a frutto. Come avviene dopo un brutto incidente – scendendo a 50 all’ora in bici ed essendo finito in ospedale, da allora uso i freni molto più di prima – la lezione può anche risultare vitale. Se il centrosinistra avesse vinto o perso per il rotto della cuffia ci saremmo salvati l’anima e avremmo tirato avanti come prima o peggio. Così non è e, dico, per fortuna.

Qui mi concentro su due grosse mancanze della nostra politica responsabili dell’80% delle sconfitte, nazionale e romana, che appaiono slegate tra loro ma che slegate non sono, sicurezza ed equità e sui mutamenti di rotta che il Pd e la sinistra devono imprimere da subito alle loro politiche.

Sulla sicurezza la destra ha un vantaggio storico, Legge ed Ordine è da anni un suo slogan, che, alla luce delle nuove forme di insicurezza, ha assunto un peso non facile colmare. Nostra colpa specifica è stata non capire i cambiamenti strutturali che da venti anni a questa parte la criminalità ha subito. Primo cambiamento è stato l’apporto che una immigrazione vorticosa, mal gestita e peggio contenuta ha avuto sulla criminalità: col 7% di immigrati il loro contributo si aggira intorno al 30% degli arresti e la cosa è abbastanza naturale se solo si considerano le condizioni di estremo disagio in cui molti immigrati vivono. Secondo cambiamento deriva dai luoghi in cui la criminalità si esercita, mentre prima, in Italia come nel resto del mondo, i crimini si concentravano nelle aree metropolitane, da qualche tempo l’intero territorio ne è investito. Anche per le maggiori protezioni delle aree centrali più ricche, la criminalità si è diffusa nelle periferie e nelle province pacifiche e sicure sino ad ieri. Questo ha aumentato enormemente il numero di persone coinvolte ed ha “abbassato” il livello sociale dei colpiti; a differenza di ieri quando erano pochi e benestanti quelli che dovevano guardarsi dal crimine, oggi sono milioni quelli più colpiti dalla insicurezza. Basta guardare al boom di voti di Alemanno nelle periferie romane che prima guardavano a sinistra per convincersi. In conclusione, anche se l’Italia ha tassi di criminalità non superiori alle medie europee, la condizione di insicurezza vissuta sulla pelle da milioni di cittadini è una nuova realtà che solo tardivamenente, e pochi a sinistra tra cui i sindaci di Bologna e di Padova, hanno colto nella loro gravità. Lasciando alla Lega e ad An un vantaggio difficile da colmare senza correzioni serie di politiche, di inclusione e di sinistra, ma efficaci nel rassicurare i cittadini.

Altra grossa mancanza delle nostre politiche è culturale: il ritardo di analisi, denuncia e cura delle crescenti iniquità che la globalizzazione e la finanziarizzazione stanno portando all’interno dei nostri Paesi. La globalizzazione ha ridotto i divari tra Paesi ma aumentato quelli all’interno dei Paesi. Il problema riguarda l’Italia ma non solo, anche l’America del presidente Clinton e la Gran Bretagna di Tony Blair poco o niente hanno fatto per ridurre la deriva dei divari crescenti di redditi e di ricchezza. Pochi dati per una realtà arcinota: in Italia, tra il 2001 ed il 2006 i salari reali non sono cresciuti mentre i profitti delle imprese sono raddoppiati. Il 5,3% di aumento reale del Pil in quel periodo sono andati tutti a profitti e rendite. Naturalmente la distribuzione di ricchezza tra benestanti da un lato e operai e ceti medi dall’altro ne ha sofferto, secondo la Banca d’Italia il 10% delle famiglie oggi possiede quasi il 50% della ricchezza nazionale. Negli Usa tra il 1980 e il 2000 i guadagni dei dirigenti sono passati da 30 volte a 120 volte quelli medi (Economist, 20 gennaio 2007). Tony Blair ha battuto ogni record: nei suoi 11 anni di governo i patrimoni dei 1000 inglesi più ricchi, stazionario sotto la Thatcher, è addirittura quadruplicato (Sunday Times, cittato su Repubblica del 28 aprile).

Se operai e ceti medi vedono i loro redditi peggiorare e quelli di ricchi e super ricchi crescere, ma perché mai devono votare a sinistra?

Non è giusto dire che l’equità aveva lo stesso peso nei programmi del Pd e del Pdl. È giusto dire che sia nei comportamenti concreti della Casta – tutti hanno votato scala mobile e altri privilegi dei parlamentari – sia nel dibattito politico elettorale, il tema dell’equità sociale non è apparso centrale né nei comizi, tantomeno nell’azione di governo. Oggi che molte differenze tra destra e sinistra non sono più rilevanti come ieri, si pensi alla sicurezza, la coesione sociale e l’equità sono tra le poche differenze identitarie da far emergere con molta più determinazione e chiarezza di prima.

Pubblicato il: 30.04.08
Modificato il: 30.04.08 alle ore 8.14

http://www.unita.it/view.asp?IDcontent=75032

Immigrati, pochi in Italia ma visti molto male
Rachele Gonnelli

“click day” per la regolarizzazione degli immigrati in base al decreto flussi 2007, foto Ansa
Più immigrati, più ricchezza. Depurata da tutte le letture strumentali sulla percezione della criminalità, la mappa dei flussi migratori fatta dal Viminale sembra proprio stabilire questo parallelo. Sono infatti le zone più sviluppate dove maggiore è la ricchezza prodotta ad attirare maggiori flussi migratori sia in Europa – dove l’Italia è infatti fanalino di coda sia come Pil prodotto sia come terra d’approdo per gli immigrati – sia nella geografia regionale dell’Italia.

Con il 5% di immigrati rispetto alla popolazione totale, l’Italia si colloca in coda della graduatoria europea dei paesi ospitanti. Secondo il Viminale, infatti, l’Italia non occupa il terzo posto per percentuale di stranieri – come rilevava la Caritas qualche mese fa ma su dati più vecchi – bensì il dodicesimo dopo Svizzera, ustria, Germania, Belgio, Grecia, Francia, Irlanda, Svezia, Danimarca, Regno Unito e Norvegia che hanno tutte tassi più alti: Svizzera (20,2%), Austria (9,4%), Germania e Belgio (8,8%), Grecia (8,1%), Francia (5,7%), Irlanda (5,6%), Svezia e Danimarca (5,4%), Regno Unito (5,2%), Norvegia (5,1%).

Netta è anche la frattura territoriale tra Meridione del Paese, dove gli stranieri sono appena l’1,6% della popolazione) e il Centro-Nord, dove la quota si impenna al 6,8%. Le regioni a più alta densità di immigrati sono, dopo la Lombardia, Veneto, Lazio ed Emilia Romagna, ma la situazione all’interno delle singole province risulta molto diversificata, con picchi oltre il 10%, ad esempio, a Prato – soprattutto cinesi – e a Brescia.

Gli stranieri residenti in Italia con un regolare permesso di soggiorno- risulta dal censimento ministeriale dell’anno scorso – sono poco più di due milioni e quattrocentomila (129.000 in più rispetto all’anno precedente): oltre l’88% – come detto- vive nelle regioni settentrionali, ben un quarto in Lombardia.

Quasi tutti hanno un regolare permesso di soggiorno per lavoro (il 60,6%) mentre il 48,3% delle donne sono titolari di un permesso di soggiorno per motivi di famiglia. E il rapporto tra i sessi è sostanzialmente equilibrato (102 maschi per 100 femmine). Vivono quasi sempre in famiglia, quando possono: nel 2001 erano 1.036.450 gli immigrati a vivere in famiglia, 270.549 quelli che vivevano soli o in forme diverse.

Tra gli immigrati, prevalgono i minori (quasi un quarto dei residenti) e le persone in età attiva e riproduttiva: l’età media è di 30,4 anni, inferiore a quella della popolazione residente nel complesso (42,3 anni). I bambini nati nel nostro Paese da genitori stranieri nel 2006 sono stati 57.765, il 10% circa del totale dei nati in Italia: il numero dei nati per mille stranieri residenti è praticamente raddoppiato (da 11,6 a 22,3) nel corso di poco più di dieci anni.

Dunque sono giovani, hanno tassi riproduttivi più alti – che forse salveranno il nostro sistema pensionistico in affanno per l’effetto congiunto di un allungamento della vita media e invecchiamento della popolazione – e in massima parte integrati. Ormai quelli di seconda generazione sono una quota considerevole della nostra popolazione scolastica.

Non è però quella fin qui detta la percezione più diffusa tra gli italiani. La ricerca del Viminale -seconda edizione del rapporto dell’osservatorio sociale sulle immigrazioni creato dalla società di rilevazioni Makno consulting per il ministero dell’Interno – affronta infatti anche “l’immigrazione percepita”. Cioè lo scenario immaginato a questo proposito dagli italiani.

Ne risulta che il 55,3% degli italiani ritiene che «l’immigrazione da paesi islamici ponga più problemi delle immigrazioni da altri paesi». e, «il 31,4% dice no all’apertura di moschee nel nostro Paese». è quanto emerge della. La principale preoccupazione dei connazionali riguarda «insofferenza nei confronti della religione cattolica» (28,4%), segue «l’atteggiamento critico nei confronti della cultura del popolo italiano» (24,6%) e, solo dopo, «il pericolo di attentati terroristici di cellule integraliste islamiche» (17,2%).

Per gli italiani, spiega Mario Abis, presidente di Makno consulting, «gioca più il fattore religioso e culturale rispetto all’allarme terroristico. Preoccupa di più la percezione di un mondo diverso, separato e lontano». Secondo il ministro Giuliano Amato, «è positivo che le cose che preoccupano di più siano le ragioni culturali, la questione del rispetto delle donne: non è vero che gli italiani vedono gli islamici come terroristi. non c’è una negatività così spiccata».

Amato si proclama «insoddisfatto di come il tema sicurezza è stato affrontato negli ultimi due anni». E si dice esterrefatto dal tasso molto più alto di aborti nella popolazione femminile immigrata rispetto a quella italiana. Per lui la spiegazione può essere cercata nella «professione» di «molte ragazze quando arrivano che le induce a liberarsi più spesso dei loro bambini». Intendendo la prostituzione. Non sono stati invece neppure citati i risultati delle équipe di strada che in alcune regioni – come la Toscana – distribuiscono profilattici e fanno informazione in questa parte di popolazione immigrata così a diretto contatto dal punto di vista igienico-sanitaria con quella italiana.

Nella statistica che riguarda le interruzioni di gravidanza risulta comunque che sono le ecuadoriane – cattoliche e non molto dedite alla prostituzione ma molto tartassate dal maschilismo dei loro partner ndr – ad avere il primato, con livelli di abortività che superano dalle 13 alle 15 volte i tassi delle italiane. Solo seconde le nigeriane, poi ancora dall’America Latina le peruviane, quindi dall’Est europa le romene, le ucraine, le albanesi e infine le cinesi. Altro dato su cui riflettere: dove il confronto è stato possibile, risulta che le immigrate (in particolare, albanesi, ucraine e romene) evidenziano tassi di abortività più critici in Italia rispetto alle medie nei paesi di origine, dove evidentemente c’è più prevenzione.

Pubblicato il: 29.04.08
Modificato il: 29.04.08 alle ore 18.31

http://www.unita.it/view.asp?IDcontent=75048

L’intelligenza, che guaio…
Maria Novella Oppo

Dice un proverbio che dio acceca chi vuole perdere, ma quasi sempre dio acceca anche i vincitori. È vero che, qualsiasi cosa dicessero ora quelli che hanno vinto, ci farebbe male allo stesso modo, ma sentirli teorizzare la fine della «egemonia culturale della sinistra» solo perché hanno saputo cavalcare la paura e i mezzi messi gentilmente a disposizione dal padrone delle ferriere televisive, è troppo. Fin dalle prime reazioni andate in onda lunedì pomeriggio è stato questo il chiodo fisso dei vari esponenti della destra: «La sinistra ha schierato i suoi intellettuali, artisti e testimonial venuti da tutto il mondo e invece abbiamo vinto noi». Come si vede, siamo quasi al «culturame» di antica memoria, una tesi alla quale Gasparri ha aggiunto pure qualcosa di suo, tant’è che ieri a Omnibus accusava Bettini di eccesso di intelligenza. Un difetto che a lui di sicuro manca. Mentre a noi resta da capire come si possa salvare un paese in cui gli intellettuali hanno sempre torto e chi vince ha sempre ragione, anche se la ragione è dei fessi.

Pubblicato il: 30.04.08
Modificato il: 30.04.08 alle ore 8.15

http://www.unita.it/view.asp?IDcontent=74747

La sconfitta e la tv
Roberto Brunelli

Compagni, se avessimo guardato un po’ di più la televisione forse l’esito del voto sarebbe stato un altro. Forse la sinistra a sinistra del Pd non sarebbe scomparsa dalla faccia della terra, forse qualcuno avrebbe capito prima la tumultuosa avanzata della Lega. Forse qualcuno avrebbe capito che le radici profonde del berlusconismo sono finite tra di noi. Bisogna sporcarsi le mani, diceva Don Di Liegro: e in qualche modo il concetto si può applicare anche al mondo della televisione. Invece la sinistra (tutta) ha la curiosa abitudine a dimenticarsi che Re Silvio nasce, si nutre, cresce e trionfa con la televisione: guardando industriali truppe di adolescenti vestite, dagli occhiali a sole in giù, in maniera identica alle ragazze «troniste» dei programmi della De Filippi, vedendo i cloni del Grande Fratello e i calendari delle ragazze uscite dall’Isola dei famosi, lo capisci dove è andato il Paese negli ultimi anni.

Ed è pure emblematico il fatto che la televisione non sia cambiata di una virgola con il centrosinistra al governo, incapace di mettere in piedi un progetto alternativo di tv per gli italiani, che sapesse sposare la popolarità non dico con l’intelligenza, che è merce rara, ma almeno con la dignità. Dalle sei del mattino fino a notte inoltrata, il monopensiero televisivo ha formato un mondo, una mentalità dominante, schiacciante. Da Festa italiana a Verissimo, passando per Vespa a Cucuzza, senza considerare Amici e l’incredibile video di «Meno male che Silvio c’è», sorvolando sui giochetti milionari e il cinismo vallettopolaro di Buona Domenica, abbiamo avuto un martellamento ininterrotto, durato anni e anni, che è stato la principale fonte di informazione ed il principale nutrimento intellettuale di milioni e milioni di italiani.

Si dirà: che banalità, questa storia degli italiani manipolati dall’imperium mediatico berlusconiano. Sarà anche una banalità, ma gli effetti si sono avuti fin su nel salotto di Vespa, dove per altrettanti anni degnissimi esponenti del centrosinistra (e, bisogna dirlo, in particolar modo della Sinistra ora finita nel macero) si facevano trattare come degli scolari messi dietro la lavagna da Bruno Vespa. È lì che vedi l’effetto del berlusconismo, quando ti rendi conto di quanto il mondo che noi definiamo «di sinistra» sia stato culturalmente, oltreché politicamente, succube di questa destra.

Qualcuno ha già rilevato che lo spostamento in area leghista di un’infinità di voti provenienti dalla sinistra è sintomo dello smottamento della coscienza civile del paese, dato che indiscutibilmente l’asse portante del leghismo sono «gli sghéi» e «il négher», che deve tornarsene a casa sua anche se la casa non ce l’ha: mettiamo questa immagine accanto a quelle scorse in abbondanza su Retequattro relative al concorso di Miss Padania, shakeratele subito dopo con le «meteorine» di Emilio Fede, con le incursioni di Fabrizio Corona sui luoghi di (vari) delitti, e capite cosa si intende per smottamento della coscienza civile.

Da parte della sinistra c’è sempre stata una sottovalutazione drammatica della questione mediatica. Laddove la destra ha condotto lucidamente e con estrema determinazione la sua strategia in campo televisivo ed editoriale, la sinistra è apparsa distratta, confusa, incerta, assente. Quello berlusconiano è un modello culturale prepotente, pervasivo: va dal rotocalco alla Chi, vero house-organ del berlusconismo e della cultura dell’a-legalità, fino ai talk show politici, dalla curiosa logica dei telegiornali che per malinteso senso dell’istituzionalità sorvolano sugli aspetti più eclatanti dell’azione di Re Silvio, fino alla fatua assurdità delle trasmissioni pomeridiane di gossip, che sposano l’abiezione della cronaca con l’abito da sposa della velina tal de’ tali che si fa impalmare dal calciatore tal de’ tal’altro.

Visioni da incubo: vai nelle enclave operaie del nord e del sud, vai nelle borgate, trovi milioni di ragazzini che sembrano usciti dallo stampino delle televisioni Mediaset. Vai nei paesi di provincia e vedi la pancia dell’italianità sprofondata nella religiosità spettacolare e postmoderna che unisce le stimmate di Padre Pio alle trasmissioni in tema miracolistico di Bruno Vespa. Vai nei supermercati e vedi le mamme che inveiscono contro i prezzi («colpa dell’euro!») e che ti paiono uscite dal pubblico di Forum, vai nelle periferie e vedi la paura degli immigrati e ti ricordi che in tv le uniche straniere sono Aida Yespica e Fernanda Lessa, vedi i salari sprofondati negli abissi e ti ritrovi bombardato dalle televendite di Mediashopping… E poi ti chiedi: dov’era la sinistra in questi anni?

rbrunelli@unita.it

Pubblicato il: 17.04.08
Modificato il: 21.04.08 alle ore 19.07

http://magazine.libero.it/eventi/generali/ne7979.phtml

Travaglio racconta l’Italia
Il polemico giornalista narra gli ultimi 15 anni di storia italiana. In uno spettacolo tra comicità e tragedia. Al teatro Metropolitan di Palermo il 21 maggio
foto

di Michel Paganini

Marco Travaglio, un nome che non lascia indifferenti. O lo si adora o lo si impicca. Il giornalista porterà in scena, il 21 maggio, al teatro Metropolitan di Palermo, “Promemoria – 15 anni di storia d’Italia ai confini della realta”. Può far sorridere l’idea di dover ricorrere alla memoria dopo un periodo di soli 15 anni, un semplice istante nella storia di una nazione, eppure, in tre lustri il Paese è cambiato profondamente. Ed è proprio del nostro passato recente che il polemico cronista vuole parlare nel suo spettacolo teatrale. Con l’aiuto delle musiche originali di Valentino Corvino e Fabrizio Puglisi, che stanno lì a evocare, provocare e seguire le sfumature di un racconto che sarebbe comico se non nascondesse, secondo l’autore, una tragedia imminente.

Perché questa voglia di raccontare questi 15 anni di storia italiana? Non le bastava la sua attività giornalistica?
Se fosse dipeso da me la mia attività professionale bastava e avanzava. Ma mi è stato stato chiesto dai produttori di PromoMusic che avevano già organizzato e allestito degli spettacoli teatrali di racconto, di ricostruzione, con Piergiorgio Odifreddi per quanto riguarda la matematica e la logica, con Margherita Hack per l’astronomia, e avevano avuto un ottimo seguito. Mi hanno dunque chiesto di fare la stessa cosa con la storia degli ultimi anni. Io ho resistito un po’ perché non credevo che la gente sarebbe stata interessata. Ma il pubblico ha apprezzato e abbiamo fatto una dozzina di repliche, prima in città più piccole e poi 3 serate a Torino e una a Bologna. Il risultato è stato entusiasmante: tutto esaurito con largo anticipo e sempre con molta gente che non riesce a entrare. Tutto ciò dimostra che avevano ragione loro e io torto. È il segno che anche il pubblico teatrale avverte una certa fame di memoria e di informazione. Inoltre lo spettacolo tende ad allungarsi perché le cose continuano a succedere.

Non si è trattato per lei di tentare strade nuove, più personali o semplicemente diverse da quelle intraprese finora?
No. Io non ci avevo proprio pensato. Lo hanno fatto invece i produttori che mi hanno quasi costretto. Penso che quando c’è da dire cose che ritieni importanti e che la gente ti segue, è una grossa soddisfazione. Inoltre è un modo per occupare un altro piccolo spazio, per usare un altro genere oltre a quello della carta stampata, della televisione o di internet. Non bisogna dimenticare i teatri.

È curioso, lei ripercorre 15 anni di storia italiana, un periodo tutto sommato molto breve nella vita di una nazione. Perché c’è questo bisogno di memoria?
Ma è evidente. Semplicemente perché la memoria tende a essere cancellata, resettata, azzerata, sconvolta, revisionata o ribaltata.

Pensa che sia possibile in così poco tempo?
Ogni tanto penso a com’era questo Paese quindici anni fa, quando perfino Berlusconi per vincere le elezioni, doveva fare finta di stare dalla parte di Mani Pulite e contro la mafia. Quindici anni dopo, con un lavoro capillare e quotidiano di bombardamento mediatico, è riuscito a vincere le elezioni dicendo quello che pensa: “Viva Mangano e abbasso Mani Pulite”.

Ma è proprio convinto che basti essere proprietario di media per essere in grado di condizionare il voto dei cittadini? Non le sembra di essere troppo indulgente davanti alle reali possibilità del mezzo?
Bisogna essere proprietario di media e usarli come ha saputo farlo lui. La televisione è capace di cambiare la testa dei cittadini e di conseguenza le loro intenzioni elettorali. Altrimenti quindici anni fa Berlusconi ci avrebbe detto subito che andava in politica perché Mangano è un eroe e Di Pietro gli fa orrore. Se l’avesse fatto quindici anni fa non avrebbe preso un voto. Invece ora prende i voti dicendo esattamente quelle cose lì, segno che gli italiani hanno cambiato la propria opinione.

Come si potrebbe definire lo spettacolo che sta facendo ora? Un documentario, una messa in scena simile a quelle fatte da Paolini o cos’altro?
Guardi, francamente non saprei trovare definizioni per ciò che sto facendo. Paolini è un attore, ci mette non soltanto l’affabulazione ma anche la fantasia. Io invece mi limito a starmene seduto su un cubo bianco e a raccontare in sette quadri i momenti topici degli ultimi quindici anni della storia italiana. E poi ci sono due musicisti molto bravi che dal vivo eseguono delle musiche da loro stessi composte.

Ha avuto modo di parlare con la gente alla fine di ogni spettacolo? Cosa diceva, come commentava lo spettacolo?
Sempre, perché io esco subito e ne trovo sempre tanti che stanno lì per dirmi cosa pensano dello “show”. Ciò che li colpisce di più è la gravità di quello che viene detto, la comicità di questi fatti perché è uno spettacolo dover si ride molto e soprattutto i collegamenti.

E cioè?
Se metti in fila in ordine cronologico i fatti, si riesce a dare un senso compiuto a delle cose che prese isolatamente fatichi a inserire in un contesto e a spiegarle. Ma se i fatti li vedi tutti l’uno accanto all’altro riesci a cogliere la loro grotesca e tragicomica coerenza.

Che ruolo ha la musica in questo spettacolo? È stata composta per dare un po’ di respiro agli spettatori e al narratore oppure ha una sua leggitimità?
Gli spezzoni musicali sono stati composti dopo la stesura del mio testo. Inoltre sono stati via via modificati per essere più aderenti al testo che poi viene raccontato. La musica serve per introdurre, per accompagnare e per sottolineare determinati sentimenti che il testo trasmette.

La domanda è scontata ma gliela devo fare. Ha partecipato al secondo V-Day di Grillo? Com’è andato? Aveva senso fare questa manifestazione o era già stato detto tutto nella prima?
Sì, c’ero anch’io ed è stata una giornata fantastica. Aveva un senso perché la manifestazione aveva un obiettivo nuovo: liberare l’informazione dal tallone della politica e del conflitto di interessi. L’obiettivo era molto preciso: raccogliere firme per i tre referendum. Di solito per raccogliere 500mila firme i promotori si svenano per tre mesi e alla fine ci arrivano con fatica. Questa volta si è raccolto un milione di firme in un giorno e mezzo. È un fenomeno piuttosto interessante se penso a quanti fiumi d’inchiostro vengono dedicati a referendum che faticano ad arrivare a 500mila firme e al pochissimo spazio che è stato riservato a un evento che in un giorno solo è riuscito in ciò che ad altri riesce a stento in tre mesi. Questo la dice lunga sul fatto che Grillo ha toccato evidentemente un nervo scoperto. Perché altrimenti non si sarebbe fatto tutto questo cancan se non si fosse andati a toccare il nodo dell’informazione, del conflitto d’interessi, del monopolio del presidente del Consiglio sulla tv privata e del controllo del presidente del Consiglio sulla televisione pubblica.

Ma non pensa che la campagna di Grillo abbia il fiato corto? Cavalcare l’indignazione della gente va bene ma poi?
Ma queste sono le solite stronzate che si tirano fuori quando si vuole distrarre l’attenzione generale dalle cose fondamentali e si va a parlare del contorno. Non volendo parlare del problerma che è stato messo a fuoco venerdì, si insiste su fatti secondari. È un modo come un altro per depistare l’attenzione del pubblico. Per fortuna che ciò che resta sono i milioni di persone che, o perché erano in piazza o perché seguono i blog, sono molto più sensibili a un tema fondamentale per la nostra democrazia. Queste persone parleranno e convinceranno altra gente e questo tema entrerà nell’agenda della politica proprio nel momento in cui la politica aveva deciso di rimuoverlo, non solo da parte della destra ma anche di Veltroni. Grillo ha la capacità di incidere sull’agenda e sulle priorità della società e quindi della politica e dell’informazione, che altri non hanno. Penso che Grillo si stia rendendo molto utile.
 

link

I dati della Questura: meno reati, ecco svelato il grande inganno

Vittorio Emiliani

A Ballarò il candidato-sindaco del centrodestra, Gianni Alemanno, ha dipinto martedì sera un quadro «terroristico» di Roma, parlando di «sgoverno», di «situazione terribile», di «città fuori controllo». La più sonora smentita gli viene dai dati reali della Questura di Roma: nel raffronto fra i primi trimestri dell’anno, dal 2006 al 2008, l’ultimo presenta il segno meno in quasi tutti i reati.

Meno omicidi volontari (da 9 a 6), meno violenze sessuali (dalle 53 dell’anno passato alle 35 di quest’anno), meno furti, molti di meno, meno rapine (- 35%), meno reati connessi alla droga e così via. Dati che confermano, del resto, la tendenza nazionale al calo annunciata dal ministro dell’Interno Giuliano Amato che ne ha scritto, inascoltato, sul primo numero della rinata rivista Amministrazione civile del suo dicastero.

Pochi giorni or sono, il New York Times ha scritto, fra l’altro, che, a Roma, «uscire a cena è una cosa perfettamente sicura, grazie ad una bassa percentuale di criminalità», la capitale non è stata mai così sicura, anche «dopo il crepuscolo», dai tempi dell’imperatore Traiano. Firmato Jan Fisher che vive qui e sa quello che dice su giorni e notti romane.

Del resto, se la Roma odierna fosse quella dipinta a tinte fosche dal candidato-sindaco della destra, per quale masochismo sarebbero venuti l’anno scorso nella Città Eterna oltre 9 milioni di turisti che vi hanno soggiornato per alcuni giorni? Masochisti fino in fondo perché, intervistati dalla Doxa, oltre la metà di loro, il 51 per cento, ha risposto che non era alla prima vacanza sul Tevere. Dunque erano già stati fra noi e si erano trovati così bene da volerci tornare. Tutto ciò l’anno scorso, in pieno «sgoverno» veltroniano, secondo il fantasioso e cupo Alemanno (nomen/omen).

Il quale però non si è fermato lì e per quasi tutta la serata ha continuato a dipingere a tinte fosche la realtà romana, costellata di delitti, di stupri, di rapine e così via. Abbiamo già fornito la secca smentita che viene dai dati reali. Ma aggiungiamo qualcosa. Noi non siamo soliti attribuire ai sindaci le responsabilità relative al tasso di criminalità di questa o quella città, ben sapendo che i loro poteri in materia sono abbastanza scarsi. Però, siccome l’onorevole Alemanno insiste nel gettare la croce (celtica?) addosso a Rutelli e a Veltroni, andiamo a vedere, in base al Rapporto del Viminale sul 2006, cosa è successo realmente a Roma e cosa è accaduto oggettivamente a Milano dove, fra Lega, Forza Italia e An, il governo della città il centrodestra ce l’ha dallo stesso 1993 in cui Rutelli fu eletto per la prima volta in Campidoglio. Possiamo così constatare che negli omicidi volontari Roma è a 1 ogni centomila abitanti contro 1,7 di Milano che risulta superiore persino alla media nazionale di 1 e mezzo. Pessima graduatoria quindi. Che rimane tale per le rapine dove Milano (sempre riferendosi ai centomila abitanti) ne registra quasi il doppio di Roma, o per i furti in appartamento (336 contro i 257 di Roma).

Nello scenario truculento messo in piedi alla bell’e meglio da Alemanno c’è il discorso, in sé gravissimo, sulla droga. Anche in questo caso però gli va molto male, peggio anzi del previsto. Perché se a Roma, nel 2006, è stata denunciata una persona per spaccio di stupefacenti, a Milano, nello stesso anno, ne sono state denunciate poco meno di due. Di questi, quanti sono risultati stranieri? Uno immagina che nell’inferno romano cupamente affrescato da Gianni Alemanno siano, in percentuale, molti di più i delinquenti di nazionalità straniera, e invece no, essi risultano molti di più a Milano: quasi il 58% là contro il 40% qui. Percentuali che, in ogni caso, esigono più prevenzione, attenzione e rigore repressivo. Su un reato il candidato-sindaco della destra potrebbe avere le sue ragioni: per i furti di auto e moto Roma batte Milano, ma, insomma, non è un reato cruento o pericoloso come ammazzare qualcuno oppure spacciare droga.

Insomma, se esistesse un delitto di «terrorismo sociale e turistico», l’onorevole Alemanno potrebbe esserne accusato con ampia facoltà di documentazione e di prova. In effetti ha ragione Francesco Rutelli ad usare un solo aggettivo, liquidatorio, per quel suo comizio: irresponsabile. Apprendisti stregoni che scherzano col fuoco, che lo alimentano, aiutati da telegiornali e giornali dove l’Italia, e Roma con essa, per un omicidio avvenuto chissà dove fanno grondare di sangue il video per giorni e giorni. Così la provincia di Pavia – dove c’è, sì e no, un omicidio l’anno – per la vicenda irrisolta di Garlasco si tinge di sangue. Così Perugia dipinta, da mesi ormai, come una sorta di Sodoma e Gomorra d’Italia.

E poi ci lamentiamo se all’estero, nella stessa Europa, ci considerano un Paese fermo, seduto, anzi ripiegato su se stesso. Nella graduatoria degli omicidi volontari l’Italia è scesa, in cifra assoluta, dai 1.441 del 1992 ai 621 nel 2006, e da 4 ogni centomila italiani a 1,5. Con una netta diminuzione (specie in Sicilia) degli assassinii dovuti alla criminalità organizzata e con un aumento invece dei delitti passionali o familiari, cresciuti da 97 a 192 l’anno. La criminalità organizzata comunque «firma» tuttora un quinto degli omicidi volontari. Nonostante questa presenza malavitosa, tuttora sanguinaria, il tasso di omicidi si colloca in Italia in linea con le medie europee.

Sulle violenze sessuali – che oggi ben più di ieri vengono denunciate da chi le subisce – ha detto bene Rutelli: per una quota elevata, purtroppo, esse avvengono ad opera di persone conosciute dalla vittima, consanguinei oppure partner, parenti, amici, quindi fra le mura domestiche. La violenza sulla donna o sul minore non viene percepita fra quelle mura come un crimine vero e proprio. Sciaguratamente. Poiché questo appena descritto è lo scenario oggettivo della criminalità in Italia rispetto al resto dell’Europa e del mondo, poiché questo è il quadro autentico della criminalità a Roma che l’Interpol ha definito qualche anno fa la capitale più sicura fra quelle dei Paesi sviluppati, come mai la propaganda «sfascista» sull’Italia e su Roma può attecchire tanto? Perché la nostra informazione, in speciali modo quella in tv, con rare eccezioni, proietta – soprattutto nei periodi in cui al governo c’è il centrosinistra – una immagine largamente distorta della realtà criminale dando conto, spesso come prima notizia negli «strilli» dei Tg, di un delitto avvenuto chissà dove, amplificato poi per mesi, se la notizia è morbosamente ghiotta (Cogne, Garlasco, Perugia, ecc.), da tutti i possibili talk-show, a cominciare da Porta a porta. Ogni tanto vedo i Tg europei e non trovo nulla di paragonabile, di «oscenamente» paragonabile. E pensare che, secondo il Censis, oltre il 60% si forma proprio dalla tv un’opinione sulle cose. Che inganno, che manipolazione, che tremenda responsabilità civile.

Pubblicato il: 24.04.08
Modificato il: 24.04.08 alle ore 13.09